Sarde in Saor: la ricetta perfetta per portare la tradizione in tavola!

Difficoltà: 
Media
Portata: 
Antipasto
Tempo di cottura: 
1 ora
Ingredienti: 
  • 600 gr di sarde già pulite
  • 600 gr di cipolle
  • 200 ml di aceto di vino bianco
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 2 foglie di alloro
  • 40 gr di pinoli
  • 40 gr di uva passa
  • Olio extra vergine d’oliva
  • Pepe rosa in grani

Le Sarde in Saor sono un piatto tipico della tradizione culinaria veneziana. Le sue origini sono povere, ma nel tempo questa ricetta ha conquistato anche i palati più esigenti e raffinati, diventando uno dei più apprezzati della cucina italiana. Originariamente preparato dai pescatori che avevano bisogno di conservare il pesce per un tempo prolungato sulle navi, il saor è un metodo di conservazione ottimo per mantenere il pesce gustoso anche per più giorni. Dopo la loro preparazione, infatti, si conservano anche per diversi giorni ed acquisiscono ancora più sapore man mano che il tempo passa. Scopri la ricetta e prova a realizzarle anche tu!

 

Ecco come preparare le Sarde in Saor

Iniziate sbucciando le cipolle, tagliatele a metà e mettetele in ammollo in acqua fredda per una trentina di minuti. Prendete l’uvetta e mettete anche questa in ammollo in acqua tiepida. Passate ora alla preparazione delle sarde. Se possibile acquistatele già pulite, altrimenti lavatele, eliminate la testa e tagliatele lungo il fianco, quindi apritele a libro e deliscatele. Procedete poi infarinando abbondantemente le sarde da entrambi i lati, e friggetele in una padella con abbondante olio di semi.

Per capire se la temperatura dell’olio è corretta aiutatevi immergendo uno stuzzicadenti, se fa delle piccole bollicine attorno ha raggiunto la temperatura ideale. Una volta fritte, scolatele e posatele su un foglio di carta assorbente e salate a piacere.

Prendete ora le cipolle e tagliatele a fettine sottili, mettetele in una padella con abbondante olio d’oliva e lasciate appassire a fuoco basso per venti minuti abbondanti. Dopodiché alzate il fuoco, salate, aggiungete lo zucchero e l’aceto di vino bianco per sfumare e continuate qualche minuto ancora con la cottura.

Per servire le sarde in saor prendete una pirofila e posatevi il primo strato delle vostre sarde fritte, coprite con la cipolla, una manciata di uvetta, i pinoli e ricoprite con altra sarde. Continuate così fino a comporre circa tre strati, terminando con 2 foglie di alloro e del pepe rosa in grani in superficie.

Prima di gustare questo delizioso piatto della tradizione culinaria italiana, lasciatelo riposare almeno un giorno in un luogo fresco, in modo che tutti gli ingredienti possano sprigionare al meglio i propri sapori e rendere unico il vostro piatto! Le Sarde in Saor sono ottime servite come aperitivo, ma anche come gustoso piatto unico.

(Photocredits lorenzovinci.it)